Al bar del Circolo cittadino torna l’odore di caffè nel sorriso degli Scandurra

Al bar del Circolo cittadino torna l’odore di caffè nel sorriso degli Scandurra

3 Dicembre 2022 0 Di Lidano Grassucci

Direte, il circolo cittadino… ma lì, nei circoli cittadini, tra un sigaro, una grappa, l’odore di carte e caffè è nata l’Italia, la libertà, la coscienza di noi stessi, l’ossatura di ogni comunità. Qui dove si “consuma” il tempo libero nasce sempre il tempo nuovo.

 

Il barista è una mano che ti accoglie la mattina con il caffè, si prende le tue chiacchiere, e ti lascia la sera con una grappa. Oggi i bar ti spiegano i caffè e pure la grappa, ma quelli contano poco conta l’animo del barista, erede dell’oste, e la sua empatia che fa speciale ogni caffè, ed ogni grappa che infatti non è mai eguale.

Al circolo cittadino di Latina ha riaperto il bar grazie a due cugini Pasquale e Antonio Scandurra, che si sono messi già di sorriso e professionalità a fare il caffè a chi viene per conversare, a chi per passare il tempo (una ricchezza immensa), a chi per seguire i mille eventi del circolo, a chi si vuole svegliare al nuovo giorno e chi addormentarsi per il prossimo giorno.

Il presidente del Circolo, Alfredo De Santis, nel salutare chi comincia ricorda “Massimo e Gabriella che per ben 15 anni sono stati l’anima del bar del circolo, in particolare il mio pensiero va a Massimo scomparso solo tre mesi fa”

E ai nuovi gestori, De Santis, fa l’imbocca al lupo. Ora conosceranno i mille e mille avventori e avventrici del circolo ciascuno unico in una città dove batte, quasi, sempre il sole.