Sezze e nu che tenemo n’impiccio de doa sanchi (di Franca Salino)

Sezze e nu che tenemo n’impiccio de doa sanchi (di Franca Salino)

9 Giugno 2019 0 Di Fatto a Latina

E’ bellissimo vedere il piacere di trovare la libertà di scrivere, questa poesia è in lingua setina, un pezzo di Franca Salino che ha scritto un pezzo del sentire setino. Ho deciso di pubblicarla perché ho sempre avuto un sogno, il sogno di fare delle cose del mondo mille colori e di trovare gente che scvrive. E’ in setino, ma prima di tutto è bello come scritto. Buona lettura e grazie a Franca Salino che lo ha donato a noi

 

Di Franca Salino

 

I Santo Patrono degli paese mè.
A Sezze , nu sizzisci, semo propetamente speciagli: tenemo no nu santo patrono accomme a tucchi gli atri paisci . Eh no ! Saria troppo normale ! 
Nu ne tenemo doa :
San Lidano e San Carlo . 
Se festeggiano il 2 luglio , quando fa callo , tucchi doa ‘nzeme .
” Se uolarauo beno ” , penzamo tucchi quanchi .
Io dico ca n ‘ è uero : pè mi litigano pure tra sanchi. 
San Carlo , pezzesse beneditto , i uedo tutto arisiato perchè è isso i Santo de’ Sezze e pe’ le uie ularia passa’ da sulo . 
So sicura ca ularia sentì canta’ schitto ” UIUA UIUA SAN CARLO NOSTRO ” .
Se ularia fazze festeggià schitto isso e a mi , a penzarci beno , me pare pure giusto.
I’ me gli immaggino che dice : 
” Pure pè gli fochi d’ artificio tencheta fa a metà co’ quisso ? Pure pe fa’ sona’ la banda me tencheta accordà co’ so’ forastiero ? “.
Ma benedicchi Sanchi ,: ma che ue’ mettete a fa’ ? 
Mo’ ua de moda mettese ‘nzeme pure pe’ arisparmià . 
Nt’ arabbia’ ca dapo’ te la chiappi co nu’ e chi sa quello che ce fai passa’ ! Non teta litigà , San Ca’ ! Tu si no Santo co la S maiuscola ! Nte’ s ‘ addice l ‘ arrabbiatura ! Ma lo sai perché ? 
Se azzeccano i cinco minuchi agli principalo teo…. te cancella dalla lista degli sanchi protettori e te manna agli sprofunno addò non pù manco striglià
” Pa’ gli munno!!!!!!!!!!!!!!!!!! “
Allora , senchi a mi ca te uoglio beno assai . 
Forze sarà stato i sindaco . Che brav’ omo ! 
Cià penzato e ripenzato e , senza dice gniente a nisciuno , t’ accoppiato ‘nzeme a San Lidano d’ Antino accosì semo tucchi sicuri ca ‘ rimagni in Paradiso .
Na cosa bona la’ fatta i sindaco. Sicuramente non te uoleua fa sentì da sulo accomme a no pellegrino . Da sulo non ce la farischi a sentì chi se lamenta de qua e chi de là. 
T’ abbascilarischi beno beno e te sentarischi sperduto .
Ecco perchè t’accoppiato ‘nzeme a quiss’ atro . 
Almeno non fatii da sulo . 
I sanchi tetano fatià tucchi quanchi .
San Lidano non poteua arimanì asseduto dalla domano alla sera schitto a sentì le preghiere , mentre a ti te toccaua sentì le ngiasteme de tucchi nu’ : ” I pozzeno accide a isci e a chi cia’ dato i uoto ! Non se po’ campa piu’ ! Gli euri ce stauo arouina’ ! Manco piu’ le carcioffole ce potemo accatta’ ! San Carlo bono me’ , mittisci le magni tu ! No beglio miracolo tenarisci fa pe’ tucchi i paesagni tei , sezzisci e ‘ Taliagni : che te potaria dire ? Tenarisci trasforma’ gli euro in lire , pezzesse benedette ! “
E le ngiasteme , brutte assai , che iettamo tutte le dì a quisto o a quiglio che te’ i bocchi e non za’ addo’ i teta mette o agli piducchio arifatto che è pe’ tucchi nu no’ cattiuo cristiano ? 
” Non ce fa soffrì piu’ pe’ sbarcà i lunario . Te prego assai ! T’ appiccio tutte le cannele che ce stauo a Santa Maria e tu cuntento sarai ! ” 
Ecco : so stata chiara mo ?
Quando addomagni sera arisci da Santa Maria ‘nzeme cogli collega te’ , non temè gniente ca pe’ nu’ sete tucchi e doa misci n’zeme i sanchi piu’ bogni , più braui e gli più begli che ce stauo fra tucchi gli altri . 
Ma tu , pe’ tucchi i sezzisci , su gli Santo Supremo degli Paradiso e di tutto l’agro pontino . Nu’ , ‘ncima a tutto , te uolemo fa sapè ca su gli Santo de tutta la pora gente tribbolata, quella più arouinata ma , senza discute pe’ gniente , la più cristiana.

 

Si ringrazia setino.it di Ignazio Romano per la bellissima foto