Maenza, la sagra delle ciliegie riempie la piazza e diverte

Maenza, la sagra delle ciliegie riempie la piazza e diverte

11 Giugno 2019 0 Di Stefania Paoloni

Quella di sabato 8 e domenica 9 è stata la 47° Sagra delle ciliegie di Maenza organizzata come ogni anno dall’associazione La Cirasa. Due giorni dove il frutto simbolo di Maenza è stato protagonista. La sagra si è aperta con il dibattito sabato mattina nel castello medievale dove si è discusso del futuro della ciliegia autoctona maentina.

Erano presenti il sindaco Claudio Sperduti, l’assessore regionale Enrica Onorati, Quirino Briganti presidente della compagnia dei lepini ed esperti del settore.

La sagra delle ciliegie di Maenza: la ciliegia Pomponia

L’obiettivo è quello di puntare a una coltivazione di qualità che porti a una produzione di nicchia che veda protagonista la ciliegia Pomponia, dal colore rosso-giallognolo e dalla consistenza croccante, tipica del territorio lepino e soprattutto maentino.

Un’atmosfera familiare è quella che si respira nelle sagre di paese. Un’occasione per stare insieme e in allegria. Maenza ha incluso nel programma il coinvolgimento e la partecipazione delle scuole.

Quest’anno è stato creato un percorso enogastronomico, sia a pranzo che a cena per entrambi i giorni con delle fraschette allestite nelle cantine dove sono stati cucinati piatti tipici come strozzapreti, fettuccine al ragù di cinghiale e altro. Le serate sono state allietate dalla musica folk. Non sono mancati gli spettacoli dei gruppi folkloristici con i giochi tradizionali.

La sagra delle ciliegie tra spettacoli e carri allegorici

La sagra delle ciliegie di Maenza si distingue per la presenza dei carri allegorici. Dei trattori allestiti con la scenografia che fa da sfondo a scenette di vita quotidiana e non solo interpretate dai maentini stessi che si dilettano e che arrivano nella piazza Santa Reparata dove si esibiscono a turno. In quindici giorni, più o meno, queste persone riescono a preparare una scenografia per ogni carro  e mettono su degli sketch per divertire e divertirsi.

Tra uno sketch e l’altro l’orchestra The funky robbers street band, composta da 14 elementi, tutti musicisti diplomati al conservatorio, ha intrattenuto il pubblico con la sua musica.

Tre ore di spettacolo quello di domenica pomeriggio che ha visto protagonisti e coinvolto gli  spettatori. Molti camperisti erano presenti, il comune aveva riservato loro degli spazi dove poter sostare.

Le temperature di maggio non propriamente primaverili hanno fatto rallentare la maturazione delle ciliegie, ce ne saranno ancora per un po’.