Racconti popolari e storie dimenticate/2: poesia in dialetto

Racconti popolari e storie dimenticate/2: poesia in dialetto

11 Settembre 2019 0 Di Luca Cianfoni

Tempo fa, su queste pagine virtuali si è iniziato un percorso di recupero di identità locale a partire dal dialetto, perché la lingua in primo luogo è segno d’identità. Si vuole continuare su questa linea, sperando di raccogliere nuovi adesioni e nuove scritture da tutti voi, che siete invitati a condividere con noi le vostre storie popolari, che magari i vostri nonni vi raccontavano davanti al camino o prima di andare a dormire oppure quei racconti fatti per dare un insegnamento morale. Questa volta, ancora una volta la protagonista è Rocca Massima e grazie a una poesia in dialetto di Augusto Cianfoni, si potrà rivivere la lingua, ma anche le fresche vie e un vecchio clima di paese di montagna.

Poesia in dialetto rocchigiano: Se a quando…

Se a quando
revenéssero alla rèto
i vécchi de ‘nna ôta
quante storie sentarèmo
reccontà
de ch’ello ch’âo fatto
quando stéveno de quà
e pure de ch’ello ch’âo visto
a glió munnno de llà…Provate ppo
a ffà ‘na visita deòta
dendro a Camposanto :
ogni faccia che guardi
te recorda tante persone
e chello ch’ âo fatto
e chello ch’ âo ditto…

i’ ómmini e lle fémmene
de ‘nna ôta èreno ‘ntelliggènti
e lle battute furminànti
le tenéveno sempre
‘n ponta alla lengua…
eh…che lengue!…
Se te pigliéveno ‘n mézzo
te scortichéveno
co’ ‘nna penna de caglina.

Cèrti le reccontéveno così grosse
che i chiaméveno pallonàri.
Arcoluccio i pallúni i faceva pure
volà pe ll’aria.
Cazzettaro era jó méglio de tutti,
ma jó compare Giovanni
se le ‘nventéa proprio…

Ci steva chi reccontéva
le cose de glió nnònno
o chelle della guèra
chi era visto jó spirdo
alla cava de Cellucci,
chi Indio a glió buscio
de Federico
o jó lupo penàro
abballe pe’ Porciàno…

Mariannàccia, Cazzettàro, Baffóne,
Minghenemànghene, Culopiatto,
Pippanéra, Canòrzo, Bianchino, Pescaréglio, Giacchettèlla, Stampóne Cianchedemèrlo, Sciscio,
Bardanaj, Zonne, jó Sciàpo, Campalacasa, Picchio, Gnùcco….

Tanti nomi, tutti soprannómi,
tante storie e…tanta nostalgia
de chello che era la Rocca
quando era piena de ggènte
cha la fatica ‘nci facéa paura
e de quando la fame
ci torcéa le budella.
De quando però êmo poràcci
e tenèmo la gghiàve ficcata
alla porta sempre ropèrta
pe’ chi voléva rendrà.

Mo ‘nvece pare ca tenímo
da difènne jó Paradiso
proprio mendre s’ jó stimo
a scordà.

Se potessero
tornare in vita
gli anziani di una volta
quante storie sentiremmo
raccontare
di quello che hanno fatto
quando erano ancora in vita
e pure di quello che hanno visto
nell’altro mondo…Provate un po’
a fare una visita devota
al cimitero:
ogni faccia che guardi
ti ricorda tante persone
e quello che hanno fatto
e quello che hanno detto…

gli uomini e le donne
di un tempo erano intelligenti
e le battute fulminanti
le avevano sempre
sulla punta della lingua…
eh…che lingue!…
Se ti prendevano di mira
ti scorticavano
con una penna di gallina.

Alcuni le raccontavano così grossi
che li chiamavano “pallonari”.
Ercoluccio (soprannome) i palloni li faceva pure
volare in aria.
Cazzettaro (soprannome) era il migliore di tutti,
ma il compare Giovanni
se le inventava proprio…

Ci stava chi raccontava
le cose del nonno
o quelle della guerra
chi era visto lo spirito
alla cava de Cellucci,
chi Indio (nome con cui veniva chiamato un tipo di spirito) all’arco stretto
di Federico
o il lupo mannaro
vicino a Porciano…

Mariannàccia, Cazzettàro, Baffóne,
Minghenemànghene, Culopiatto,
Pippanéra, Canòrzo, Bianchino, Pescaréglio, Giacchettèlla, Stampóne Cianchedemèrlo, Sciscio,
Bardanaj, Zonne, jó Sciàpo, Campalacasa, Picchio, Gnùcco….

Tanti nomi, tutti soprannomi,
tante storie e…tanta nostalgia
di quello che era la Rocca
quando era piena de gente
alla quale la fatica non faceva paura
e di quando la fame
ci torceva lo stomaco.
Di quando però eravamo poveri
e tenevamo la chiave ficcata
alla porta sempre aperta
per chi voleva entrare.

Ora invece sembra che dobbiamo
difendere il Paradiso
proprio mentre ce lo stiamo
dimenticando.