La morte di Za Pippa pe la pietà di Sezze dimenticata

La morte di Za Pippa pe la pietà di Sezze dimenticata

16 Settembre 2019 0 Di Lidano Grassucci

Za Maria: Za Pi, semo morte   (Zia Pippa, siamo morte)

Za Pippa: ma accomme, semo vive (Ma che dici non vedi che siamo vive?)

ZM: semo morte te dico e non te lo volaria dice (ti dico che siamo morte e sai quanto vorrei esser viva)

ZP: i ca successo, i chi c’ha accise (che è successo, chi sarebbe il nostro assassino?)

ZM: i tempi, i tempi (il tempo, il tempo presente)

ZP: spiega mo tu fai la profeta (spiegami, adesso fai tu quella che capisce tutto)

ZM: i sacci a Sezze hao violentato na mammoccia di 14 agni, e hao ditto ca n’è malo perchè era puttana, isso d’agni ne teneva 50, e dapo se drogava e ci piaceva (Qui a Sezze hanno violentanto una bambina di 14 anni, e c’è chi sostiene che se l’è cercata, che è una puttanella, l’orco aveva 50 anni, e la bambina valeva poco si drogava e poi le piaceva fare certe cose) 

ZP: chiama i cassamortaro, ca pe nu che semo femmine de na vota ci vo la cassa grossa, è tempo ca ce ne iamo, ti ragione. (Chiama le pompe funebri, che per noi che siamo donne di una volta serve una cassa grande, hai ragione è tempo di andar via)

ZM: l’era capito (io l’ho capito subito)

ZP: nu semo la Sezze delle madri, la Sezze che tutto ma i mammocci no, nu semo quelle che di mammoccio a mammoccio tenemo sta fiamma che è i rispetto, la misericordia, la pietà e ci stao cose che non se polo fa. A 14 agni su femmina che se teta fa, no cosa da usa, a 14 agni nu su malo o beno su scommessa agli sole novo, su giglio e i fiori non se stracciano alla tera se addorano. (noi siamo la Sezze delle madri, la Sezze che ha un limite nel rispetto dei bambini, noi siamo quelle che tramandiamo di bambino in bambino il rispetto, la misericordia, la pietà e ci sono cose che non si possono fare. A 14 anni sei una donna che sarai, che deve farsi alla vita di domani. Sei un giglio e i fiori non si strappano dalla terra, ma si onorano nel loro profumo)

ZM: esso, esso i cassamortaro (ecco le pompe funebri)

ZP: fa 4 casse, falle grosse e sotto alla croce scrivici: Za Pippa, Za Maria, Za Benirde e Tetta dapo a tutte lo stesso sotto in civile: furono femmine, furono madri, nonne premurose, furono pie, ma furono donne di Sezze che pe gli mammocci se sariano fatte accide, perché furono donne di un posto eccezionale dove tutte erano madri. Con loro giace una civiltà” . (costruisci 4 bare e sotto la croce scrivi i nostri nomi e poi in italiano: ” furono femmine, furono madri, nonne premurose, furono pie, ma furono donne di Sezze che pe gli mammocci se sariano fatte accide, perché furono donne di un posto eccezionale dove tutte erano madri. Con loro giace una civiltà”)

Cassamortaro: i me ci vo nu libro, i me le tenco da scrive tutte se cose (e mi ci vuole un libro per scrivere tutto questo)

ZP: no, le ti scritte a mente se t’aricorghi quello che t’ha fatto nonna, se non lo sai, eravamo già morte (no, le dovresti conosce nella tua coscienza, devi ricordarti di tua nonna, se non lo sai tua nonna e la tua coscienza non ci sono più)

Cassamortaro: ma che ne saccio i… (ma che ne so io)

ZM: so capito Za Pi, oi pregamo a morto, pregamo la morte nostra. Chiamo Tetta? (ho capito Zia Pippa, oggi preghiamo a morto, alla nostra morte)

ZP: i chiama Tetta, co nu facemo fa na cassa puro e iessa alla Madonna, che è morta la pietà, e morta Maria (Chiama Tetta, che è morta anche la Madonna, è morta la pietà è morta Maria)

Voi site gioia è risu
Di tutti i scunsulati,
Di tutti i tribulati
L’ùnica speme.
Di tutti i tribulati
L’ùnica speme.

À voi suspira è geme
Lu nostru afflittu core
In un mar di dulore
È d’amarezza.
In un mar di dulore
È d’amarezza.

Marìa, mar di dulcezza,
Li vostri ochji pietosi,
Materni ed amurosi,
À noi vulghjite.
Materni ed amurosi,
À noi vulghjite.

Noi mìseri accuglite
Ind’u vostru santu velu.
Lu vostru figliu in celu,
À noi mustrate.
Lu vostru figliu in celu,
À noi mustrate.

ZM: esso Tetta (ecco Tetta)

ZP: dicci agli cassamortaro ca se la colle, ca manco morte ci capiscono piu’, quello che è grave è c’hao acciso la speranza (di all’uomo delle pompe funebri di andare via, neanche morte ci capiscono più, hanno ucciso la speranza)

Tetta: Ave, Maria, grátia plena,
ZM: Dóminus tecum.
ZP: Benedícta tu in muliéribus,
Tetta: et benedíctus fructus ventris tui, Iesus.
ZM: Sancta María, Mater Dei,
Tetta ora pro nobis peccatóribus,
ZP nunc et in hora mortis nostrae.

Insieme: Ammen.