Racconti popolari e storie dimenticate/3: le castagne

Racconti popolari e storie dimenticate/3: le castagne

8 Ottobre 2019 0 Di Luca Cianfoni

Per la rubrica Racconti popolari e storie dimenticate oggi riportiamo un’altra poesia di Augusto Cianfoni dedicata questa volta alle castagne di Rocca Massima, frutto che ci introduce alla stagione autunnale. Questo frutto, è tipico dei boschi che circondano Rocca Massima, che dedica alla castagna una sagra, che si svolgerà nel weekend del 19 e 20 ottobre. La poesia di seguito è intitolata Cardi de castégne

Le castagne di Rocca Massima: Cardi de Castégne

Ero jto ‘nna mmatína

abbàlle pe’ Landèria. *

La frescúra addoréva

de fícuci e inéstre

e le piante de castégna

mostréveno fanàtiche

i ricci gunfi e prónti p’arupísse

ai primi vénti fríschi d’autúnno,

oramài quasi guaríte

da chiglio mmorammazzàto

‘nzètto fastidiúso che dìceno

venuto dalla Cina manco fosse

pure isso ‘n’ âtro pòvero ‘mmigràto

clandestino.

 

“… Ancóra nn’ è ora

de callaròste”

me jéveno dicènno,

“ancóra è sùbbito

d’appiccia’ jó fóco”.

Eppure sotto a chelle piante

paréa de senti’ chigl’addóre

mòrbido de vàlini** e callaròste

ch’a ottobbre e finènde a Nnatàle

‘mprofúmeno le vie e le piazze

della Rocca.

E sarà conténto pe’ ‘nna ôta

pure jó contadíno d’ èsse repagàto

pe’ lla fatíca fatta attórno

a lle ceppàre

quando, pungichènnose le déta,

pènza sempre,

comme dice jó provèrbio antíco,

de trovàcci almeno – dico –

tre castégne a cardo.

 

Saría conténto pure maresciallo***

che s’ha ‘nventàta chella bella sagra

ch’ ogni ôta ci remmèntova

chi êmo pe’ facci crede ancora

ca tutti ‘ziéme potarèmo èsse

pure i méglio

se smettarèmo de pungicàsse

j’ uni co’ gl’atri come fossèmo

tanti cardi de castégna.

Ero andato una mattina

presso i boschi di Lantèria*.

Il fresco odorava

di fichi e ginestre

e le piante di castagno

mostravano fanatiche

i ricci gonfi e pronti ad aprirsi

ai primi vènti freschi dell’autunno,

oramai quasi guarite

da quel maledetto

insetto fastidioso che dicono

sia venuto dalla Cina nemmeno fosse

anche lui un altro povero immigrato

clandestino.

 

“…Ancora non è ora

di caldarroste”

mi andavano dicendo,

“ancora è presto

per accendere il fuoco”.

Eppure sotto a quelle piante

sembrava di sentire quell’odore

morbido di valini** e caldarroste

che da ottobre fino a Natale

cospargono il loro profumo nelle vie e nelle piazze

di Rocca Massima.

E sarà contento per una volta

anche il contadino di essere ripagato

per la fatica fatta intorno

all tronco delle piante di castagno

quando pungendosi le dita,

pensa sempre,

come dice l’antico proverbio,

di trovarci almeno

tre castagne per ogni cardo.

 

Sarebbe contento anche il Maresciallo

che ha ideato quella bella sagra

che ogni volta ci ricorda

chi eravamo per farci credere ancora

che tutti insieme potremmo essere

anche i migliori

se smettessimo di pungerci

gli uni con gli altri come se fossimo

tanti cardi di castagna

Augusto Cianfoni, Luglio 2019

* i boschi di Lantèria lungo la via tra Rocca Massima e Segni

** i vàlini sono in paese le castagne bollite

*** Maresciàllo : Maurizio Cianfoni ex vigile urbano ora in pensione.