La lezione di Fiat e Peugeot per Coletta e il Pd

La lezione di Fiat e Peugeot per Coletta e il Pd

31 Ottobre 2019 0 Di Lidano Grassucci

Non so a chi converrà, ma senza sarebbero morte entrambi, o entrambi destinate a fare le comparse, “insieme”? Se la giocano. Devi sempre sapere quanto vali, poi scommetti. Fiat e Peugeot erano stati grandi giocatori nel settore delle automobili, ma gli altri erano diventati più grandi. Hanno prima capito quale era il rischio: sparire; poi hanno visto le opportunità “giocarsela”. Non hanno litigato se era più figa la 500 o la 106, se la Ghibli è comparabile con la 508, hanno pensato a come fare auto migliori per domani.

Invece Damiano Coletta e il Pd si stanno perdendo nel mentre, nell’oggi, nelle ragioni che c’erano e non nei rischi che ci saranno. L’alleanza si complica per logica capovolta, ceto se giochi di orgoglio ciascuno ha il suo, ma gli orgogliosi contano tanti eroi che, come si sa, abbondano negli eserciti sconfitti e non sono neanche menzionati in quelli dei vincenti.

Coletta è a un bivio o se la gioca o testimonia, il Pd non è da meno. Rilanciare sempre, accomodarsi mai: in politica ed in economia chi non muove è perduto e la vittoria di oggi senza rilanci è la sconfitta di domani.