Latina, storie “differenziate” ma zozze in una bottiglia

Latina, storie “differenziate” ma zozze in una bottiglia

21 Novembre 2019 0 Di Glenda Castrucci

Faccio la raccolta differenziata: mi differenzio e l’immondizia la lascio a terra”, avrà pensato il genio di questa bravata. Ebbene ieri sera, camminando verso l’entrata di un bar a Latina Scalo, mi sono imbattuta in una bottiglia di birra vuota, abbandonata in mezzo la strada, in corrispondenza di una macchina.

 

Adesso, anzitutto, il padrone del veicolo avrebbe potuto mettere in moto, fare retromarcia senza accorgersi del cadavere della birra, e squarciare una ruota (che già bisogna stare attenti alle buche nell’asfalto che ormai hanno la carta d’identità). Ma la grande domanda è: l’artefice di questa noncuranza, avrà forse avuto male alle mani o alle gambe per non poter fare due metri e arrivare al secchione? Ci battiamo tanto per la salvaguardia dell’ambiente, facciamo la raccolta differenziata, partecipiamo a manifestazioni, piantiamo alberi, barattiamo plastica per biglietti della metro, veniamo educati e sensibilizzati alla sostenibilità.

 

Evidentemente, però, il concetto non è ancora ben chiaro, non è ancora entrato nelle case di tutti, ci sono tabù sull’argomento, perché esistono ancora persone ostinate a comportarsi da menefreghisti. Prescindendo dal fatto che, chiunque esso sia, poteva arrecare un danno ad una macchina costringendo il proprietario a dover sborsare quattrini al gommista per una mancanza non sua, in secondo luogo, cosa ci sarebbe stato di così divertente o di così impossibilitante nel lasciare una bottiglia di vetro vuota in mezzo la strada? E chi ha visto la scena come mai non è intervenuto dicendo a chi che sia che questa cosa non si fa? Siam tutti leoni da tastiera, bravissimi a scrivere post sui social per sparare arringhe e sentenze, il dunque si vede quando ci troviamo davanti al fatto, allora lì tutti omertosi, tutti in silenzio, tutti a farsi i fatti propri.

Il sindaco Damiano Coletta ha multato chi ha errato nella raccolta differenziata, ha proibito le sigarette sulla spiaggia con sanzionabilità: come mai allora chi fa atti del genere resta impunito? Che, per quanto mi riguarda hanno la stessa gravità di chi porta a spasso il cane e lascia i bisogni in balia del passo distratto di qualcuno. La questione è: ma viviamo davvero tra gente così lasciva e senza vergogna da non rendersi conto delle barbarie che compie? C’è davvero così poco rispetto per il prossimo? Perché è di questo che si tratta, di rispetto verso un’altra persona, di rispetto verso le generazioni future. A chi ha ancora la mente annebbiata (come lo scienziato sopra citato) e non sa capire la sostanziale differenza tra giusto e sbagliato, dico, come se parlassi a mia cugina di due anni: gettare rifiuti in terra è sbagliato, che sia la carta di una caramella o che sia una bottiglia di vetro, può essere pericolo e provocare inconvenienti al prossimo, dunque si prega di utilizzare gli appositi secchi per l’immondizia.

PS: la bottiglia l’ho raccolta da terra e buttata nel secchione, potrebbe sembrare un lavoro difficile ma non lo è stato.