Latina, le sardine non udite dai sordi. Sono api che creano fiori

Latina, le sardine non udite dai sordi. Sono api che creano fiori

8 Dicembre 2019 0 Di Lidano Grassucci

Quando non hai argomenti dici che l’altro non capisce niente. Semplice, mostruosamente semplice. Io so io e voi non siete un c…. Ci può dispiacere, ma la vita gira, corre, si moltiplica. Il ’68 era niente per quelli che sono sempre presenti. Hanno perso quei giovani ma la vita civile, nel mondo, è cambiata e per sempre: i ragazzi e le ragazze da allora vivono insieme, si scambiano baci, carezze, vite senza ipocrisie. E’ poco? E’ tutto.

Sono stato ragazzo di quel ’77 che era così folle da far conquistare le città agli indiani, e da allora non c’è cosa impossibile nel sogno, anche se sono arrivati i nostri stessi incubi ed erano armati.

I movimenti non si giudicano come fanno i maestri con i bimbi da ammaestrare. Sono come se Franti, il cattivo del Libro Cuore, avesse vinto la cattedra, avesse lui (che è nato sbagliato, fuori le regole) il primo di regole nuove che sono altro perché chi le scrive ha l’ingiusto dentro e non fa il pentito, ma cerca giustizia nuova.

Eravamo non ingiusti a 16 anni, eravamo intrattabili e quando ci chiedevano ragione noi alzavamo la posta: volevamo la luna, la felicità, la vita anche al di là, volevamo la follia come ragionevole diritto.

“E siamo noi a far bella la luna

con la nostra vita

coperta di stracci e di sassi di vetro.Quella vita che gli altri ci respingono indietro

come un insulto, come un ragno nella stanza.

riprendiamoci la vita,

la terra, la luna e l’abbondanza” (Ho visto degli zingari felici, Claudio Lolli)

Non lo capisci il movimento se sei chiuso nel tuo componimento, nella tua lezioncina, se se non capisci che ogni movimento riguarda anche te. Non so quanto nuoteranno le sardine, so che le formiche cambiano il mondo più degli altri animali, e le api, cosi piccole, fanno fiorire più fiori di ogni altro vivente e voi benpensanti guardate il lupo, seguite la volpe ma non capite il la rosa che cambierà l’odore del mondo.

Dice, ma stai con le sardine? Ma manco per niente, non ho l’eta per fare quello che faranno, ma mi piace l’idea incredibile che vogliano fare e fare per cambiare quel destino che li condannava ad essere coglioni, ma eleganti. Sono ragazzi irriverenti, come solo i ragazzi hanno diritto di essere.

PS: prego i vecchi di ogni risma e colore di non rompere i coglioni a questi ragazzi e di starsene dove sono, la sardina non è una maschera contro le vostre rughe, sono altre facce con occhi che vedranno cose che voi neanche immaginate.