Coletta, il parco e l’Europa

Coletta, il parco e l’Europa

10 Dicembre 2019 0 Di Glenda Castrucci

Il Sindaco Damiano Coletta e la sua amministrazione ne hanno combinata un’altra delle loro. La Regione Lazio ha revocato il finanziamento dell’Unione Europea previsto per la ristrutturazione del Parco Vasco De Gama al Lido di Latina. Il Comune di Coletta questa volta ha perso ben 669mila euro, soldi che rientravano nel finanziamento “Plus Marina di Latina”, a causa della mancata ottemperanza a quanto previsto: se non correttamente utilizzato, il fondo viene ritirato. La Corte dei Conti, che ha aperto un’indagine a riguardo, ha invitato il Sindaco e buona parte di Latina Bene Comune, a spiegare la motivazione di questa nefandezza. Gli accertamenti del Nucleo di Polizia Economico Finanziario della Guardia di Finanza di Latina, hanno rilevato un pregiudizio alle pubbliche finanze pari a 850mila euro complessivi. Il mancato beneficiare dei cittadini del Parco Vasco de Gama, a causa di omessa manutenzione e mancato avvio della gestione, avrebbe comportato un danno erariale. I magistrati della Corte dei Conti hanno chiamato ad argomentare sia gli ex amministratori e dirigenti, sia quelli attuali, poiché il Parco che avrebbe dovuto esser pronto già dal 2015, si trova in uno stato di abbandono, è completamente inagibile e suscettibile a ripetuti atti di vandalismo. Quello che sarebbe dovuto diventare un punto di aggregazione e di ritrovo, in realtà è solo fuffa. Nonostante l’attuale amministrazione abbia cercato di risolvere il problema, non c’è stato nulla da fare. Ovviamente sono i cittadini di Latina a dover pagare le conseguenze di una totale incapacità amministrativa, che perdura nel tempo, e che fa perdere ogni speranza di sviluppo e riqualificazione del territorio. Il Comune di Coletta si è rivelato, ancora una volta e senza dubbi, un grandissimo fallimento.