Filippo Sbardella diventa il vice-presidente Anam

Filippo Sbardella diventa il vice-presidente Anam

26 Gennaio 2020 0 Di Luca Cianfoni

Rinnovato il Consiglio Direttivo dell’Associazione Nazionale Allevatori Cavallo di Razza Maremmana, dopo 33 anni il sermonetano Ugo Marcocci passa il testimone.

Il cambio ai vertici dell’Anam

Il sermonetano Ugo Marcocci, storica colonna dell’Associazione Nazionale Allevatori Cavallo di Razza Maremmana, dopo 33 anni di impegno passa le redini dell’associazione al nuovo Consiglio Direttivo. Marcocci, in questi anni, ha ricoperto molti e prestigiosi incarichi in seno alla struttura, Consigliere, Presidente, Vicepresidente,  Coordinatore degli esperti di Razza, Ispettore di Razza. Fondata nel 1979 per volontà degli allevatori del Lazio e della Toscana, le due regioni dove storicamente viene allevato il cavallo di razza maremmana, l’ANAM oggi conta oltre 400 soci ed ha il compito di tutelare, valorizzare e promuovere la pregiata Razza Equina. Partecipa alle più importanti manifestazioni di settore e ne dispone di proprie come la Mostra Nazionale dei Riproduttori iscritti al Libro Genealogico della Specie Equina di Razza Maremmana, che nel 2020 raggiungerà la XL edizione. Dal 1991 ha la gestione del Libro Genealogico Nazionale con l’Ufficio Centrale, per decreto del Ministero dell’Agricoltura e delle Foreste. Organizza i corsi di formazione e di aggiornamento per il Corpo degli Esperti di Razza, il Campionato Nazionale di Morfologia, il Testaggio dei Maschi ed il Testaggio delle Femmine con le prove genetiche in stazione, e altre attività per la selezione ed il miglioramento della Razza.

I nuovi vertici e il consiglio direttivo

L’assemblea ordinaria dei soci, che ha avuto luogo in Grosseto, ha rinnovato le cariche sociali per il triennio 2019-2022, ed ha eletto Consiglio Direttivo nelle persone di:

  • Daniele Bartolomei (in rappresentanza della provincia di Arezzo),
  • Olivia Deni (in rappresentanza della provincia di Arezzo),
  • Paolo Mariotti (in rappresentanza della provincia di Viterbo),
  • Fabrizio Mecocci (in rappresentanza della provincia di Viterbo),
  • Luca Merelli (in rappresentanza della provincia di Grosseto),
  • Nevio Prugnoli (in rappresentanza della provincia di Viterbo),
  • Mauro Saraconi (in rappresentanza della provincia di Viterbo),
  • Filippo Sbardella (in rappresentanza della provincia di Latina),
  • Alessandro Zampieri (in rappresentanza della provincia di Grosseto).

Il Consiglio Direttivo, nella sua prima riunione, ha nominato Presidente Fabrizio Mecocci, e Vice Presidenti Alessandro Zampieri e Filippo Sbardella.

Dopo Marcocci, l’Agro Pontino ha una continuità nell’antica e prestigiosa tradizione dell’allevamento del cavallo maremmano e nella tutela della storica e leggendaria Arte del buttero, in Filippo Sbardella, classe 1965, stimato allevatore, comproprietario insieme a suo fratello Gabriele dell’Azienda Agraria omonima, a Torrecchia Nuova in Cisterna.

Cisterna, la patria di Augusto Imperiali

Cisterna è la “patria” del celebre Augusto Imperiali (1865-1954) detto Agustarello, il buttero che l’8 marzo del 1890 a Roma insieme ad altri otto cavalcanti della Palude Pontina, in un’epica sfida sulla doma dei cavalli, sconfisse i cowboys americani che si esibivano nel circo del “Wild West Show” diretto dal colonnello William Frederick Cody, il famoso Buffalo Bill. Ogni componente del Consiglio Direttivo ha passioni e competenze diverse, quali l’allevamento da più generazioni, l’approccio tecnico, gli spettacoli equestri, la storica e leggendaria Arte del Buttero. Ciascuno con la sua particolare esperienza darà il proprio contributo in favore degli allevatori, dei proprietari, degli appassionati di questa storica razza equina, che è un’eccellenza nel panorama agricolo e del patrimonio zootecnico d’Italia: il Cavallo Maremmano.