Latina, il Conservatorio celebra Carulli, padre della chitarra

Latina, il Conservatorio celebra Carulli, padre della chitarra

7 Febbraio 2020 0 Di Luca Cianfoni

Un’intera rassegna musicale dedicata dal Conservatorio di Latina alla chitarra e a chi, come Ferdinando Carulli, si può considerare il padre del moderno modo di suonare questo strumento.

Carulli, il genio napoletano della chitarra classica

Sei appuntamenti, che accompagneranno gli appassionati di chitarra classica e di musica fino al mese di maggio per festeggiare i 250 anni dalla nascita del genio napoletano Ferdinando Carulli. Il compositore, nato nel 1770 a Napoli, dopo una carriera straordinaria portata avanti a Parigi, sembra riflettere un’altra carriera di un gigante della musica di quell’epoca, Gioacchino Rossini. Infatti i due compositori, dopo una carriera fulminante che li ha portati all’apice del successo rispettivamente nell’opera e nella musica strumentale, decidono di interrompere la propria carriera artistica perché la musica che andava sviluppandosi intorno a loro non rispondeva più ai propri canoni estetici e compositivi. Carulli però, al contrario di Rossini che a Parigi si chiude in una sorta di dorata clausura, decide di dedicarsi all’insegnamento della chitarra, che nella sua vita gli ha procurato molte fortune. Uno strumento a cui il compositore napoletano riuscì a dare nuovamente una dignità portandolo addirittura a suonare con un’intera orchestra (cosa che all’epoca succedeva preponderantemente con il violino) e riabilitandolo nella grande scena musicale. Uno strumento a cui dedicò due manuali per spiegare come suonarlo al meglio (Metodo op. 27 e Metodo op. 241), lui, che imparò a suonare la chitarra da solo dopo aver preso solo qualche lezioni di violoncello. Questi metodi, che lui scrisse sono ancora oggi usati nelle scuole di chitarra classica per insegnare come suonare uno strumento che grazie alle sue spiegazioni può suscitare grandi emozioni,come lui stesso scrive nel suo Metodo:

“Possa finalmente aver io raggiunto lo scopo che mi sono sempre proposto, e meritar l’approvazione degli amatori d’un istrumento, che non la cede a verun altro quando si sappia coll’arte cavarne degli effetti di cui è suscettibile.”

La rassegna Carulli del Conservatorio

I sei appuntamenti messi in opera dal Conservatorio Ottorino Respighi di Latina, saranno non solo concerti, ma anche seminari e conferenze sulla chitarra e sul suo padre moderno Ferdinando Carulli. Il primo evento sarà il 13 febbraio alle 20,30 con un concerto che si terrà nell’auditorium Roffredo Caetani del Conservatorio (via Ezio, 32) durante il quale saranno eseguiti i tre concerti che Carulli ha composto per chitarra ed Orchestra (di cui uno per chitarra, flauto e orchestra). La particolarità di questi eventi, oltre che dare risalto a uno strumento a volte un po’ bistrattato nella musica classica e ad un autore che, ingiustamente, fa fatica a comparire anche nei libri di storia della musica, è che saranno eseguiti con il suono di rari e preziosi strumenti d’epoca (chitarre originali dei primi anni dell’Ottocento).

Gli appuntamenti

  • Giovedì 13 febbraio ore 20,30 I concerti per chitarra ed orchestra di F. Carulli
    • “Petit Concerto” in Mi Min. Op 140 per chitarra ed orchestra (Fabio Perciballi);
    • Concerto in La Magg. per chitarra ed orchestra (Federico Cirulli);
    • Concerto in Sol Magg. per chitarra flauto ed orchestra (Chitarra: Claudiu Plescan; Flauto: Sara Natalizi)

 

  • Sabato 7 marzo 2020 ore 18,00 “Serata musicale nella Parigi di primo Ottocento”- Carulli ed i suoi contemporanei.
    • Chitarra: M° Eugenio Becherucci; Pianoforte: M° Cristiano Bercherucci
    • Chitarre storiche: M°Stefano Magliaro;  Fortepiano: M°Salvatore Biancardi

 

  • Venerdi 27 Marzo 2020
    • ore 16,00 – Conferenza del Prof. Mario Torta: “La vita e le opere di F. Carulli”
    • ore 18,00 – Concerto “Les amours d’Adonis et Venus” La chitarra tra affetti e narrazione nella Parigi di Carulli, chitarre storiche M° Stefano Magliaro

 

  • Sabato 18 Aprile 2020
    • ore 16,00 – Seminario tenuto dal M° Romolo Calandruccio: interpretazione filologica dei brani di F.Carulli alla luce dei trattati e metodi del primo ottocento
    • ore 18,00 – Concerto “Early guitar duo” – M° Romolo Calandruccio, M°Antonio Aprile

 

  • Giovedi 14 Maggio 2020 Ore 20,30“I chitarristi contemporanei di F.Carulli” musichedi M.Bevilacqua; A.Nava; K.Kreutzer
    • Concerto di chitarra del M° Stefano Mileto – M° Nello Alessi

 

  • Sabato 23 maggio 2020 18,00 Concerto conclusivo:il repertorio da camera di F. Carulli  
    • Allievi della classe di chitarra e delle classi di musica da camera del Conservatorio “Ottorino Respighi” di Latina.
conservatorio-latina-carulli

Un dipinto in cui si può vedere Ferdinando Carulli insieme alla sua chitarra