Silvia Romano, solo una ragazza “usata” da buoni e cattivi per le loro chiacchiere

Silvia Romano, solo una ragazza “usata” da buoni e cattivi per le loro chiacchiere

14 Maggio 2020 0 Di Lidano Grassucci

Una ragazza , Silvia Romano, di 22 anni ed un mondo di “corretti”, si ciascuno la fa quello che lei non è, se non è che ragazza. Diventa simbolo dei buoni, mostro per i “cattivi”. Diventa un conto per i tirchi, diventa una vetrina per gli esteti, diventa merce per i rapitori, diventa capacità di affabulare gli integralisti, ma a nessuno frega quello che lei è… una ragazza di 22 anni che fa le cose di chi ha 22 anni compreso sbagliare o fare l’eroe, il tutto nella stessa ragazza.

Bisognava liberarla? E certo, la Repubblica non lascia solo nessuno dei suoi figli, dal più buono al cattivissimo. Ma non bisognava farla simbolo, è dovere delle Stato fare lo Stato, ma non se ne deve vantare. Il senso dello Stato non prevede la vanagloria. Lo Stato doveva dire: abbiamo liberato una cittadina della repubblica, ogni cosa in più è inutile, quindi stupida.

Bastava una foto e non  il circo mediatico intorno e non si doveva a lei chiedere opinione se non aspettare che si liberasse dalle sue paura, da sola a casa. L’abbiamo sequestrata di nuovo per morbosità di alimentare il circo della notizia senza i fatti. E giù i giudizi di chi non sapendo insegna, di chi dal salotto di casa giudica quel che neanche immagina. Poi le parti politiche a recitare la loro finzione: i cattivi a farlo bene, quindi da idioti, i buoni a farlo meglio quindi da stucchevoli. Ma nessuna delle due squadre ha pensato, semplicemente a lei.

Dice ma si è convertita e quindi ha tradito, vuole tornare quindi è irriconoscente, ha parlato bene dei rapitori quindi è collusa…. ma quante stupidaggini si dicono a 20 anni? Ma quanti sogni si hanno a quella età? E quanti sbagliati, quante cose abbiamo detto e poi sperato che nessuno ci ascoltasse. A 20 volevo fare la rivoluzione e a parole mica ci andavo per il sottile, a 60 rido della mia ingenuità.

Ecco a questa ragazza state negando la sua età, ed è un reato più grave delle sue parole, più caro dei soldi è disumano. E mi vergogno un poco per noi, cinici giocatori di un altro gioco che usa le persone e non sa per che.