4 anni di Coletta: teatro a Pontina, sport a Cisterna e biblioteca a Bassiano. Ma abbiamo le strisce blu

4 anni di Coletta: teatro a Pontina, sport a Cisterna e biblioteca a Bassiano. Ma abbiamo le strisce blu

20 Maggio 2020 1 Di Lidano Grassucci

A Latina, mi spiegava il bravo Dario Bellini, rispettano regole e contratti. Un orologio questa città, va in automatico. Pensate non hanno potuto evitare di rimettere la sosta a pagamento allo scoccare della ripartenza per non avere contenziosi.  Cosi rapidi che hanno colto l’Atral (la società di gestione) impreparata che ha aperto gli uffici con un giorno di ritardo. Troppo efficiente, Coletta è troppo per Latina. Siccome sono così, un poco rustico sono andato a vedere le cose che abbiamo fatto in questo 4 anni ed effettivamente ora, finalmente, ci sono le regole, tutto è regolato, nulla è lasciato all’arbitrio.

GIOCHIAMO IN TRASPARENZA MA A ANZIO E CISTERNA

Infatti abbiamo regolamentato l’uso degli impianti sportivi, una operazione di pulizia e trasparenza così accurata che la Pallavolo, serie A, gioca a Cisterna, la Pallanuoto a Anzio. Ma in trasparenza.

VEDIAMO SPETTACOLI TEATRALI IN TRASPARENZA MA A PONTINIA

Abbiamo fatto anche un dettagliato regolamento per il teatro, preciso, tanto che Sala a Milano vuole fare uguale, con La Scala e il Piccolo. Una operazione così trasparente con regole certe che il teatro lo andiamo a vedere a Pontinia. Ma in trasparenza, senza opacità. Marco Bucci, sindaco di Genova, pare che abbia contattato Coletta per adottare il suo modello lamentandosi che lì, a Genova, hanno rifatto un ponte di un chilometro e 600 metri a 20 metri di altezza in 8 mesi . Nelle regole di Latina di anni ce ne volevano, come è giusto che sia, almeno 33.

DIMENTICHIAMO IN TRASPARENZA IL MERCATO ANNONARIO

Velocemente, seguendo le regole che regolano la questione in trasparenza il Comune ha riaperto il mercato coperto, qualche gelido natale fa hanno “cacciato” con urgenza e per fretta i barboni che dormivano lì, di domenica misero i bandoni di legno per fare i lavori, sono passati due anni e i lavori sono andato così avanti che in trasparenza non si manco vedono. Un lavoro…. delicatissimo, così delicato che non si vede, un palazzo di vetro.

LEGGIAMO IN TRASPARENZA… MA NELLA NUOVA BIBLIOTECA DI BASSIANO

Loro, i bravi del bravo Dario Bellini e di Coletta, alla cultura ci tengono: hanno chiuso la biblioteca per farla più grande e più bella che prima (per  dirla alla Ettore Petrolini), un lavoretto veloce, in trasparenza. Poi, da novembre la riapertura slitta all’anno nuovo, poi un cavidotto proprio lì e in trasparenza la biblioteca non c’è. Nel frattempo a Bassiano il sindaco Domenico Guidi di biblioteca ne ha fatta una nuova di pacca in un bellissimo edificio storico (e ci sta pure la corrente con i cavi che ce la portano)

. Quindi se volete leggere… basta andare a Bassiano. Ma a Latina sono trasparenti, mica scherzi.

ABBIAMO BISOGNO DELLA BANCA D’ITALIA MA PER L’ARCHIVIO DI STATO

Sport e cultura che sono, cose stupide. L’assessore Emilio Ranieri, solerte, ha chiesto alla Banca d’Italia di comperare il palazzo che la ospitava a Latina ora dismesso. Bene, bravo, tutto in trasparenza. Ma per farci cosa? Per bisogni urgenti per la città come… “ospitare l’archivio di Stato” che, essendo di Stato col Comune nulla centra. Come dire lo compero per farci andare il Vescovo che la curia sta troppo lontana. Interpretiamo i bisogni degli altri, fantastico.

VOGLIAMO IMMOBILI NUOVI MA L’INTERMODALE E OCCUPATO DALLE ZANZARE E L’EX ICOS DALLE FORMICHE

Ma è giusto che il Comune la comperi la sede della banca d’Italia ha tutti occupati gli edifici di proprietà che uno in più, per lo Stato, serve: l’Intermodale è un via vai di… mosche e zanzare; L’ex Icos è un edificio perfetto che pullula i attività che pare  un formicaio: a Borgo Grappa il mercato dei Cocomeri è più attivo del Mof a Fondi; e il mattatoio della Chiesola lavora più degli impianti di Cremonini

ABBIAMO ABC CHE HA CANCELLATO LATINA AMBIENTE MA PER GLI STESSI SERVIZI CON GLI STESSI MEZZI E I MEDESIMI UOMINI, PAGANDO GLI STESSI DEBITI

Ma abbiamo Abc, una società che gestisce la pulizia della città sostituendo la vecchia e decrepita Latina Ambiente. Una grande operazione di trasparenza: pensate fa lo stesso servizio di quella di prima con le stesse persone e gli stessi mezzi. Non solo, in trasparenza, non  hanno riconosciuto alla vecchia società i cediti che vantava verso il Comune che, invece, ha riconosciuto il giudice e vanno pagati, tutti e subito. Nel frattempo l’unica cosa di valore che c’era, la discarica è stata venduta ai privati. Bravissimi, così si amministra ma vuoi mettere il cambio di nome. La differenziata, ne faceva di più Latina Ambiente, ma ora è trasparente

MA QUANTO E’BELLA LA CITTA’ DI PULICINELLA

Mi fermo perché sono le sette bellezze, nessuno ha fatto di più: per vedere un evento sportivo vado o a Anzio o a Cisterna, per il teatro vado a Pontinia, per leggere a Bassiano ma a Latina paghiamo il parcheggio al centro vuoi mettere…

Grazie Coletta, mi scuso col bravo Bellini troppo bravi.  4 anni di successi, 4 anni di soddisfazioni. So bravi, bravi ma tanto bravi, poi sono modesti, accettano consigli, si consigliano. Bravi, ma bravi, bravi.

Mme dispiace sulamente
ca ll’orgoglio ‘e chesta gente,
se murtifica ogne ghiuorno
e nuje ce mettimmo scuorno.
Ma nisciuno pò fá niente,
ce ‘a zucammo ‘a caramella…
comm’è doce e comme e bella,
‘a cittá ‘e Pullecenella.

1989, Claudio Mattone