Lubiana Restaini contesta Mignano per l’incarico alla Vola

Lubiana Restaini contesta Mignano per l’incarico alla Vola

6 Giugno 2020 0 Di Fatto a Latina

Lubiana Restaini contesta Mignano per l’incarico alla Vola e invia tutto al Prefetto, al Garante Civico Regionale e alla Corte dei Conti. Il consigliere comunale di Forza Italia torna a far sentire la propria voce forte e chiara e contesta  dettagliatamente la delibera con la quale il Comune di Roccagorga incarica il noto professionista per la verifica economica patrimoniale e gestionale dell’azienda Vola.

Lubiana Restaini contesta Mignano perchè l’incarico è affidato senza gara.

“Il consigliere di Forza Italia, contesta l’incarico di Mignano perchè l’affidamento  è avvenuto senza esperire una procedura comparativa per la scelta del miglior contraente, aperta alla partecipazione di tutti coloro che, in possesso dei titoli e requisiti richiesti, potevano aspirare al conseguimento dell’incarico”.

Restaini, che ha incassato la preventiva condivisione di Claudio Fazzone, precisa che il conferimento degli incarichi si configura come atti gestionali di competenza dei dirigenti/responsabili di servizio e non della giunta, come ribadito da numerose pronunce della Corte dei Conti. La forzatura della giunta è da interpretarsi come scelta politica perpetrata da Fratelli D’Italia, l’unica forza politica rimasta con il Sindaco Piccaro.

Restaini contesta Mignano per l’incarico alla Vola perchè il contratto ed il progetto di parcella, obbligatorio per l’entità della spesa e la valutazione di congruità, non sono allegati alla delibera di Giunta e non sono stati rilasciati a seguito della richiesta di accesso agli atti. Forte del consenso del partito provinciale e regionale, l’azione politico amministrativa del consigliere di opposizione è determinata e puntuale.

“L’affidamento de quo evidenzia un danno erariale per l’ente comunale, il quale non può sostenere costi per una verifica economico patrimoniale dell’Azienda Vola, in quanto ente strumentale dotato di personalità giuridica. L’attività di controllo sull’azienda speciale è affidata al Revisore dei Conti dell’Azienda, al responsabile finanziario per l’esercizio del controllo analogo, trattandosi di ente strumentale ed al Consiglio Comunale e non certo alla Giunta Comunale”

Restaini chiede a Mignano di verificare le violazioni e rinunciare

La Restaini evidenzia i pareri negativi dei funzionari del Comune. La delibera di giunta riporta  il parere contabile negativo” ai sensi dell’art. 49 comma 1 del Tuel del responsabile finanziario e il parere sfavorevole della Responsabile Affari Generali, rilasciato in data 08.05.2020. Da questi presupposti il consigliere comunale di Forza Italia punta Mignano che miete incarichi legali in diversi comuni dei Lepini. La Restaini è lapidaria.

“Un professionista incaricato con un atto illegittimo, prima di accettare l’incarico stesso dovrebbe accertarsi dell’affidabilità e della correttezza degli atti amministrativi di chi richiede la propria consulenza, dovrebbe essere a conoscenza dell’obbligatorietà del progetto di parcella da acquisire agli atti della delibera e del riscontro di congruità. Se invece l’incarico fosse squisitamente politico, affidato con atto dalla Giunta sprovvista delle specifiche competenze, risponderebbe più alla logica della politica amicale di supporto alla debolezza di un’amministrazione che in meno di 1 anno è stata abbandonata dalle due forze politiche che hanno portato i consensi più alti, poiché da parte del Sindaco che doveva essere garante, non sono stati rispettati gli impegni assunti con gli elettori siglati con il programma elettorale”.

La Restaini è attenta su ogni aspetto.

Questa amministrazione sta ampiamente dimostrando di non aver posto la giusta attenzione alla soluzione dei problemi, per assicurare continuità e stabilità all’Azienda Vola.

Si attendono sviluppi e si resta in attesa di verificare se Mignano accetterà l’incarico che a giudizio della Restaini sembrerebbe palesemente illegittimo.