La letteratura odeoporica del viaggio al castello baronale di Maenza

La letteratura odeoporica del viaggio al castello baronale di Maenza

24 Luglio 2021 0 Di Fatto a Latina

(nota ufficiale) IL VIAGGIO, PROTAGONISTA NELLA LETTERATURA ODEPORICA: il prof. Friolo, dall’Università di Treviso al castello baronale di Maenza Domenica 25 luglio 2021, alle 18,30, presso il castello baronale di Maenza ci sarà un convegno sulla letteratura odeporica.

L’evento è inserito all’interno del progetto Sentieri e Sinestesie nel Territorio, presentato dalla Proloco e dal Centro Studi A.R.T.E. di Maenza, con il patrocinio della Regione Lazio. Gli obiettivi generali del percorso sono: raggiungere un’educazione equa ed inclusiva per un apprendimento permanente e promuovere a tutti i livelli azioni finalizzate alla sostenibilità ambientale; per questo tra le azioni di intervento sono previste: ripercorrere e rendere fruibili gli antichi tratturi anche a persone con disabilità; creazione di un parco letterario all’interno del Comune di Maenza; sensibilizzare le giovani generazioni alla tutela dell’ambiente; attivare l’inclusione sociale con l’avviamento al lavoro, grazie ad attività legate al turismo ecosostenibile e culturale. I lavori si articoleranno in fasi di ricerca e di studio, iniziati già dal mese di gennaio e si completeranno con eventi, percorsi sul territorio e convegni nell’arco del 2021. L appuntamento di studio di domenica 25 luglio è con la letteratura odeporica. Il termine «odeporico», derivato dal greco ὁδοιπορία, «viaggio», definisce precisamente lo studio della letteratura riguardante il viaggio, in tutte le sue sfaccettate ed eterogenee produzioni. All’interno del genere odeporico alcuni tratti comuni riguardano i rapporti fra la narrazione e la descrizione, con una spiccata preponderanza di quest’ultima, sia che essa derivi dall’esperienza diretta del viaggiatore-scrittore, sia che essa si basi su fonti esteriori o costruzioni immaginarie. La relazione sarà curata dal prof. Friolo dell’Università di Treviso, esperto geografo che ha tenuto altri due convegni a Maenza Rotta al Polo Nord e Viaggio a Gerusalemme, sempre in collaborazione con il Centro Studi ARTE. Gli interventi della professoressa Maria Giuseppina Vincitorio e del poeta scrittore Jeph Anelli arricchiranno ulteriormente la relazione nel solco di quello che sarà l’agognato parco letterario, in cui la letteratura riuscirà a dare voce alla storia e all’identità di un luogo, così come si auspicano Paola Cacciotti e Carlo Pietrocini presidenti delle associazioni protagoniste di questo intervento culturale, sostenuto dall’assessore alle politiche culturali Dorina Risi.