I governo de Za Pippa (con traduzione in italiano)

I governo de Za Pippa (con traduzione in italiano)

9 Agosto 2019 0 Di Lidano Grassucci

Za Maria: Za Pi c’è la crisi

ZA Pippa: Che crisi s’ha allagato Portaturo co so callo?

Za Maria: ma no, la crisi politica dice la radio (guida al lettore, quando si cita la radio si parla nell’italiano più pulito possibile, la radio certifica non fornisce notizie)

ZP: i che saria mo

ZM: ca cade i governo

ZP: i a nu… i governo quando cade nun se fa malo, nu se cademo ci cioncamo

ZM: ne se mo, i che volarischi dice

ZP: ca, Maria me, se fa malo sempre gli urdimo ca i primo s’aggiusta

ZM: no, no va malo agli italiagni

ZP: perchè oi pe so fatto n’hao ichi a fadià, n’sao sentichi malo, non sao innamorachi, non sao morchi… gli italiagni. Nu Marì campamo pe campà, isci campano pe odia. Questa è la diversità. Nu atecco quello che tenemo tenemo, quello che non tenemo non ci facemo n’vidia. E piano piano la vita si campa, se curi la vita non la vichi, non la sinchi, non ci sta. Su vestichi beno, da omeni, ma su spogliachi d’anima

ZM: i San Tomasso te fa nu baffo

ZP: Mo nu me chiappa a coglionella, ma è accosì. a nu atecco a sto passetto che ci manca, spira l’aria, stamo assedute e ogni tanto Benirde ci porta puro gl’orzo, a natra cica facemo doa oraziugni che alle cinco radducono da Portaturo, e facemo na cosa da magna ca alle cinco e mezza vao da Scipio. I dapo i tenemo da i a ritolle per icce a coleca

ZM: vichi, è vita senza niente

ZP: ne se e isci che hau curso, s’hao ncazzachi, su gelusci e la sera quando se vao a coleca teo lo pensa a malo che non gli fa dormi, i questo saria lo meglio. Meglio lo niente nostro Maria mia, nu stamo annanzi, nu tenemo equilibrio

ZM: i che saria

ZP: sapemo campà ca se campa pe gli figli e l’amore pe gli nipuchi, ca quiglio pe isci i vecchi passa, passa e lo sai, s’hao fachi vecchi e a isci ci basta lo vino pe da “divino” i tempo che passa. Nu tenemo la responsabilità de commannà

ZM: de commannà?

ZP: ari che governo nu governamo i mammocci, facemo quello che sarà. Ischi chiacchierano de quello che è stato, nu Za Marì semo moderne, tutto su rumore è antico. Quando parlamo co gli mammocci nostri parlamo de addomano e quello che ci imparamo addomano sarà vivo, isci parlano de niente.

ZM: oi stai beno Za Pi, me so convinta, e vichi se so capito: cade i governo antico, nu stamo a fa quiglio novo

ZP: mo si, su capito chi commanna, commannamo nu, ma mica da mo, da quando ci sta i munno, nu semo isci si illudono

ZM: esso Tetta

ZP: i dicemo n’ ave Maria, ma no i scisci che su morchi ma non lo sao, a nu che stamo a fa la vita che sarà e la Madonna lo sà beno, l’ha fatto prima di nu. Erode pensava de commanna, i romani de esse padrugni, maria steva a cagna i munno co gli figlio che se chiama Gesù

Tetta: Ave, Maria, grátia plena,
ZM: Dóminus tecum.
ZP: Benedícta tu in muliéribus,
Tetta: et benedíctus fructus ventris tui, Iesus.
ZM: Sancta María, Mater Dei,
ZP: ora pro nobis peccatóribus,
Tetta: nunc et in hora mortis nostrae.

Insieme:  Ammen

 

Italiano

Za Maria: Zia Pippa c’è la crisi

ZA Pippa: Che crisi ci può essere si sono allagato i campi in pianura, a Portaturo, con questo caldo?

Za Maria: ma no, la crisi politica dice la radio (guida al lettore, quando si cita la radio si parla nell’italiano più pulito possibile, la radio certifica non fornisce notizie)

ZP: E cosa succede ora

ZM: che cade il governo

ZP: e a noi che cambia, quando cade il governo non si fa male. se cadiamo noi restiamo invalide

ZM: Ma che sento, cosa vorresti dire?

ZP: voglio dire, Maria mia, che si fa male sempre l’ultimo il primo si sistema sempre

ZM: ma che dici, se cade il governo va male agli italiani

ZP: perchè oggi che è caduto il governo gli italini non sono andati a lavoro, non si sono sentiti male, non si sono innamorati, non sono morti. Noi Maria mia viviamo per vivere, loro per odiare. Questa è la differenza. Noi qui abbiamo quel che abbiamo, quello che non abbiamo non lo desideriamo. E piano piano viviamo, se corri la vita non la vedi, non la senti, non c’è. Sono vestiti bene, da uomini fatti, ma sono nudi nell’anima.

ZM: San Tommaso d’Aquino è niente rispetto a te

ZP: Non mi prendere in giro, è così. A noi qui in questa scala cosa ci manca? C’è fresco, stiamo sedute e ogni tanto Benirde ci porta una orzata fresca, tra poco diciamo due preghiere, verso le 5 arrivano i marito dai campi, li facciamo mamgiare, alle 5 e mezza vanno in osteria, certo dobbiamo farli rientrare per andare a dormire

ZM: Vedi che è vita vuota?

ZP: ma che dici, loro che hanno corso, si sono arrabbiati, sono gelosi, la sera quando vanno a letto continuano a pensar male tanto che non possono dormire, e questo sarebbe il tuo meglio. Meglio il poco nostro, Maria mia, noi stiamo avanti, noi abbiamo equilibrio

ZM: e cosa sarebbe

ZP: sappiamo vivere, si vive per i figli e per l’amore per i nipoti, il vivere dei vecchi passa, passa e lo sai anche tu, si sono fatti vecchi i nostri uomini a loro basta il vino per dimenticare il tempo che passa. Noi abbiamo la responsabilità del dover guidare, comandare

ZM: di comandare?

ZP: altro che governo, noi governiamo i bambini, facciamo il mondo che sarà. Loro parlano di quello che è stato, noi, Maria mia, siamo contemporanee, tutto l’altro è rumore antico. Quando parliamo con i nostri bambini, parliamo con il domani, e quello che gli insegnamo domani sarà vivo e vero, loro parlano di nulla

ZM: oggi sei in forma zia Pippa, mi hai convinta e vedi se ho capito: cade il governo del passato, noi facciamo quello nuovo

ZP: ora hai capito chi governa? Ma mica da oggi ma da quando c’è il mondo, noi siamo, loro sono illusi

ZM: Ecco Tetta

ZP: e facciamo una Ave Maria, ma non per loro che sono marti e non lo sanno, ma a noi che stiamo facendo la vita che sarà. E la Madonna lo sa bene, l’ha fatto prima di noi. Erode pensava di comandare, i romani di essere padroni del mondo, Maria stava allevando Gesù, stava cambiando il mondo

Tetta: Ave, Maria, grátia plena,
ZM: Dóminus tecum.
ZP: Benedícta tu in muliéribus,
Tetta: et benedíctus fructus ventris tui, Iesus.
ZM: Sancta María, Mater Dei,
ZP: ora pro nobis peccatóribus,
Tetta: nunc et in hora mortis nostrae.

Insieme:  Ammen