Ninfa-Cori, in 1500 alla processione della bellezza

Ninfa-Cori, in 1500 alla processione della bellezza

16 Ottobre 2019 0 Di Lidano Grassucci

Odio la tristezza che è figlia della morte della fantasia. Si possono fare cose grandi non se si hanno “grandi” soldi, ma grandi idee. Mentre la cronaca impazzava di tragedie, la Fondazione Caetani, i comuni di Cori, Norma e Sermoneta si “ingegnavano” con non “grandi” soldi, ma con una idea grande: integrare l’attrattiva turistica di Ninfa e del suo giardino con le bellezze, tanto belle quanto sconosciute al grande pubblico di Cori.

Il risultato? Una processione di bellezza, 1500 persone hanno visitato i giardini e poi Cori, con le sue bellezze e i suoi ristoranti. 1500, come se tutta Rocca Massima fosse andata in gita tra Cori e Ninfa. Per 20 euro a biglietto si passava dalle rose agli affreschi di Sant’Oliva, al Tempio di Ercole. Di bellezza in bellezza.

Si replicherà con Norma, con Sermoneta, con la strada del vino.

Laiche processioni in una incredibile e sconosciuta storia di bellezza.

Pensate che bello sarebbe una processione nei giardini: Ninfa, Torrecchia nuova, Fogliano, il Parco del Circeo e il mare. Sarebbe bello se ci fosse tanta fantasia, mi tolgo il cappello davanti a Tommaso Agnoni, presidente della fondazione, lui ha idee ed è una rarità.