Latina, al Campus Internazionale di Musica la nipote di Petrassi

Latina, al Campus Internazionale di Musica la nipote di Petrassi

26 Ottobre 2019 0 Di Luca Cianfoni

Oggi è stata la giornata degli archivi aperti alla Fondazione Campus Internazionale di Musica, molte persone sono entrate nelle stanze e sono rimaste a bocca aperta vedendo i tesori musicali custoditi.

Fondazione Campus Internazionale di Musica, istituto culturale

Di istituti culturali nella nostra provincia ce ne sono due: il Campus e la Fondazione Roffredo Caetani. Aspettando l’apertura della dimora storica dei Caetani a Tor Tre Ponti di domani, con l’apertura contemporanea di Tres Tabernae, oggi è stata l’occasione per la cittadinanza di Latina di scoprire gli archivi del Campus. Partiture inedite e materiale manoscritto sono l’altro tesoro della fondazione musicale. Alle pareti le foto della mostra fatta nel 2007 all’Auditorium a Roma, raccontano di una realtà musicale viva, di un impegno, quello dell’architetto Cerocchi e della sua famiglia, passionale, viscerale per la musica e per la cultura. Arte, musica, spettacolo, convegni, ricerca studio. Il Campus è stato e sarà questo ancora per molto. Anche se tra mille difficoltà quella di oggi è una giornata che ha mostrato alla città di Latina un El Dorado per i musicologi e gli appassionati.

Se solo si avesse l’opportunità, qui ci sarebbe materiale per oltre 20 pubblicazioni, per quanto materiale manoscritto inedito c’è.

 

campus-internazionale-di-musica

Un momento della visita agli archivi della Fondazione Campus Internazionale di Musica, a sinistra Tiziana Cherubini e a destra in fondo Francesca Petrassi.

Queste sono le parole della segretaria generale Tiziana Cherubini, che ha esposto ai curiosi che sono accorsi, una piccolissima parte del materiale. La partitura manoscritta di Estri di Goffredo Petrassi, tutte le carte tibetane di Ivan Vandor, compositore che ha decifrato la musica di quella regione asiatica, la biblioteca di Barbara Giuranna. Ad impreziosire la giornata di oggi anche la visita del sindaco di Latina Damiano Coletta e della nipote di Goffredo Petrassi, Francesca, che molto emozionata guarda con affetto tutto ciò che apparteneva allo zio. È attenta alle parole di Tiziana e ne fa tesoro, come per conoscere un’altra parte della persona che è stata Goffredo, così intimamente legato al Campus e all’architetto da divenirne presidente onorario. Per chi oggi non avesse avuto l’opportunità di trascorrere qualche momento al campus, potrà rimediare il 10 novembre, sempre dalle 9 alle 12.