Cisterna, “Non sei sola”, il video-progetto contro la violenza sulle donne

Cisterna, “Non sei sola”, il video-progetto contro la violenza sulle donne

22 Novembre 2019 0 Di Luca Cianfoni

Domani sabato 23 novembre alle 11 nel Palazzo Comunale di Cisterna l’anteprima di “Non sei sola – Associazioni, Istituzioni e volontari: una rete su cui contare”, video-progetto della Consulta della donne.

Cisterna sempre più rosa, “Non sei sola” ricostruisce il tessuto sociale

Dopo il convegno sulle povertà educative, che ha toccato anche il tema del femminicidio e della violenza di genere, Cisterna lancia un altro evento a tutela delle donne: “Non sei sola – Associazioni, Istituzioni e volontari: una rete su cui contare”. A promuovere l’evento nell’antivigilia della giornata internazionale contro la violenza sulle donne sono la Consulta delle Donne di Cisterna in collaborazione con Scambiaffari, con il patrocinio di Regione Lazio, della Provincia di Latina e del Comune di Cisterna di Latina. Un progetto originale fatto non solo per sensibilizzazione ma anche per far conoscere gli strumenti e la rete di assistenza locale a cui una donna, di Cisterna e non solo, può rivolgersi in caso di bisogno. Così passo dopo passo il comune tenta con le sue azioni di sensibilizzazione la ricostruzione di un tessuto sociale.

I dati sul femminicidio e la violenza di genere

Sono infatti di oggi i dati resi noti dalla Polizia dello Stato sulla violenza contro le donne, che si registra essere, purtroppo, un fenomeno costante e non figlio di raptus o follie omicide da parte degli uomini. Si basti pensare che statisticamente in Italia ad oggi una donna ogni 15 minuti è vittima di violenza, un fenomeno troppo generalizzato per pensare che si tratti di casi di follia da parte di chi aggredisce. Al contrario poi di quanto si possa pensare, la maggior parte di queste violenze non sono perpetrate da persone sconosciute alla vittima, ma da persone che invece abitano le stesse mura domestiche. Infatti circa l’80% delle donne che subiscono violenza sono italiane e il 74% di queste sono aggredite da uomini italiani. Un mondo pieno di violenza,si potrebbe pensare, e invece no, perché sempre dai dati della polizia si evince che gli omicidi in cui la vittima è un uomo sono diminuiti del 50%, mentre il numero dei femminicidi negli ultimi dieci anni è rimasto stabile, purtroppo. Dati quindi allarmanti che devono far prendere coscienza del problema non solo dal punto di vista emergenziale, come si è soliti fare in Italia, ma dal punto di vista culturale, la sola via che permette risultati visibili e duraturi.

Cisterna “Non sei sola”, l’iniziativa

L’iniziativa inizierà alle 11 presso la Sala delle Statue del comune di Cisterna, con la “Lettera ad un uomo” a cura di Marianna Cozzuto. Seguirà poi il lancio del video a cui hanno aderito numerose realtà territoriali, ovvero gli Angeli APS- ES24, l’Associazione Nazionale Vigili del Fuoco in congedo (A.NV.V.F.C), l’Associazione Protezione civile Città di Cisterna di Latina “sez. Mauro Zappaterreni”, CIF – Centro Italiano Femminile, CRI – Croce Rossa Italiana comitato di Latina, Corpo Polizia Locale Cisterna di Latina, Servizi Sociali – PUA Comune Cisterna di Latina, Sostegno Donna Cisterna e #NoViolenza2.0.

“Un progetto che ci ha emozionato appena  abbiamo iniziato a lavorarci – afferma la presidente della Consulta delle Donne, Alessandra Pontecorvi. L’importanza della rete, della collaborazione tra organizzazioni di varia natura è indispensabile per combattere la piaga della violenza sulle donne.
A Cisterna fare squadra in tal senso è un obbligo che dobbiamo alle recenti storie che abbiamo vissuto. Per questo abbiamo voluto coinvolgere tutti, e a tutti coloro che hanno aderito va il nostro ringraziamento, così come ringraziamo Devis Pennesi di Scambiaffari, Marianna Cozzuto di Mobilitazioni Artistiche, Antonio Cece di Kent Industries, Simone Olivieri e Giorgia Russo che hanno reso possibile la realizzazione di questo video.
Non vogliamo che un’occasione come quella della Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne si riduca solo a passerella con qualche frase retorica, per questo abbiamo realizzato un video-progetto coinvolgendo tutti e al quale hanno partecipato coloro che condividono questo pensiero. Un video che speriamo sia da sprone per uomini e donne e soprattutto utile a capire quanto è grande e viva la rete territoriale di supporto e aiuto che abbiamo.
È solo l’inizio, molto c’è ancora da fare. Ma sappiamo che noi, così come chi ha aderito a questo progetto, ci siamo e continueremo a lavorare, in ombra senza bisogno di riflettori, e a fare sempre di più”.

cisterna-non-sei-sola