Concerti d’autunno, la sfida dei quartetti dell’Ensemble Apollon

Concerti d’autunno, la sfida dei quartetti dell’Ensemble Apollon

3 Dicembre 2019 0 Di Luca Cianfoni

Domani 4 dicembre alle 18 torna al Circolo Cittadino di Latina Sante Palumbo la musica della stagione autunnale del Campus Internazionale di Musica con l’Ensemble Apollon.

Ensemble Apollon a Latina, la nascita del quartetto

Da sfida a sfida. Dopo il grande successo del Premio Riccardo Cerocchi, il concorso internazionale di musica da camera per giovani, torna al Circolo Cittadino di Latina la grande musica classica grazie alla Fondazione Campus Internazionale di Musica con un programma molto particolare. Si rinnova la sfida nella sala concerti Pietro D’Orazio questa volta non tra gli interpreti ma tra i compositori portati nel programma musicale: una sfida a due tra l’italiano Luigi Boccherini e l’austriaco Franz Joseph Haydn. Quest’ultimo è stato da sempre ritenuto l’inventore del quartetto d’archi in maniera erronea in realtà, perché è stato proprio l’italiano il primo a cimentarsi negli anni 60 del ‘700 con questo nuovo genere. Il programma dunque vede mettere a confronto la scuola italiana con quella viennese attraverso il Quartetto in do minore op.2 n.1 e il Quartetto in si bemolle maggiore op.2 n.2 di Luigi Boccherini e Quartetto in re minore op.9 n.4 insieme al Quartetto in la maggiore op.9 n.6 di Franz Joseph Haydn. Il concerto intitolato non a caso L’Alba del Quartetto verrà eseguito dall’Ensemble Apollon composto da Alessandro Buccarella, violino, Alessandra Xanto, violino, Adelaide Pizzi, viola e Fabrizia Pandimiglio, violoncello.

Il quartetto, la sfida della musica

La sfida che i quattro titolatissimi interpreti proporranno alla platea di ascoltatori e musicofili del Circolo cittadino di Latina Sante Palumbo è posta su di un genere che ha fatto la storia della musica. La sua nascita nella seconda metà del ‘700 si fa derivare tipicamente dal genere della musica galante. Una piccola orchestrina, si potrebbe pensare, che suona per puro divertimento. E così è nato in effetti, soprattutto nelle mani di Haydn che è riuscito a portare alla grande attenzione della musica internazionale un puro divertimento, facendolo diventare un genere molto serio e concreto che nel corso del romanticismo musicale avrà un posto predominante soprattutto nei cataloghi dei compositori tedeschi. Un genere che però deve i suoi natali al compositore italiano Luigi Boccherini che nel suo esilio dorato madrileno, è riuscito, grazie e a causa dell’isolamento musicale della corte spagnola di quel tempo, a sperimentare e ad introdurre elementi innovativi all’interno di questo genere che lo hanno differenziato certamente dalla tradizione viennese che poi diventerà il canone. Una sfida musicale dunque quella di domani pomeriggio che porrà in sfida due inventori del genere, due geni della musica, due diversi modi di comporre.

Il concerto

Il biglietto di ingresso per il concerto è di 10€, inoltre sono disponibili 20 biglietti da 1€ per gli studenti del Liceo Musicale A. Manzoni e del Conservatorio O. Respighi di Latina.

ensemble-apollon-latina