Il muro dei volsci a Torretta Rocchigiana, il muro di antica gente che siamo

Il muro dei volsci a Torretta Rocchigiana, il muro di antica gente che siamo

29 Febbraio 2020 0 Di Lidano Grassucci

Ve lo immaginate un tempo lontano, ma non lontano che mi saluti da ieri l’altro ma un tempo di 2300 anni fa. Su queste montagne così silenziose, così per conto loro, da cui sono partiti in tanti, tornati sempre molto di meno, facevano un muro, mettendo in ordine perfetto pietre, una sull’altra. Un muso per difendersi dalla cattiveria che era oltre il muro, o dalla paura che era prima del muro, ma così è. Mentre Acqualatina cercava di dar da bere alla gente di ora, ha trovato un muro della paura, della sicurezza di 2300 anni fa.

Dicono sia del volsci, sta in via Torretta Rocchigiana e già Roccagorga, dice è mio, Priverno rivendica no, qui ci sono io. In realtà è di tutti e due perché è di un tempo in cui questi confini non erano “previsti”. Un muro che non dovrebbe far dire “è mio”, ma raccontare quanti passi, quante case, quanti valli, abbiamo in comune, e quanto male conosciamo per le paure, ma anche quanto bene di stare insieme.

 

Qui forse Camilla ha scoccato una freccia, qui forse Ufente ha capito l’amore, o no o è tutto un errore. Ma sicuramente una ragazza si è affacciata lì in alto e un ragazzo da basso non ha potuto fare a meno di guardare.

Non siamo giovani o vecchi in questo posto, ma figli di antica gente che non ha mai smesso di amarlo questo angolo di mondo.

Il ritrovamento è stato divulgato dall’assessore alla cultura del comune di Roccagorga, Lubiana Restaini