Emergenza cibo Latina, una rete di generosità e bisogno di 5000 persone

Emergenza cibo Latina, una rete di generosità e bisogno di 5000 persone

22 Aprile 2020 0 Di Lidano Grassucci

Una società, nonostante le distanze sociali, non è un lago fermo, ma un mare che si muove. Mentre in tv, sui giornali, ci riempiono la testa di fasi, di previsioni del futuro attendibili quanto una promessa di Pinocchio a Geppetto. C’è chi lavora. L’esempio nazionale? Mentre alla Regione Lombardia immaginavano mega ospedali, gli alpini lo, semplicemente, facevano. Senza dichiarazioni, senza clamori… lavorando

Il carico di bieta di oggi

Latina non fa eccezioni nel silenzio di una città costretta alla distanza sociale c’è chi si è rimboccato le maniche ed ha fatto, i nostri alpini. La pagina facebook di emergenza cibo Latina, coordinata da Marco Moliterno in 24 giorni ha dato pasti a 930 famiglie del capoluogo, composte da oltre 2700 persone, ha creato una rete di donatori di 1600 persone (un paese grande come Bassiano, una volta e mezza Roccamassima dal lato della generosità e se li metti insieme donatori e recettori della donazione fai una cittò come Norma). Piccoli numeri? Certo ma è coinvolta il 3% della popolazione di Latina e quasi 100.000 euro di aiuti distribuiti.

Vedete la politica è l’arte del governo della città e la città è quel mare che non sta fermo mai e l’acqua che sbatte sul bagnasciuga non è mai la testa, vi ho raccontato una delle decine di iniziative, fate voi di quanto è agitato il mare.