Strisce blu e la lezione del bravo Bellini, intanto i cittadini pagano

Strisce blu e la lezione del bravo Bellini, intanto i cittadini pagano

19 Maggio 2020 0 Di Lidano Grassucci

Dario Bellini, capogruppo di Lbc nel consiglio comunale di Latina, sarebbe da inventare se non esistesse. E’ bravo, un vero bravo, ed è circondato da bravi e brave. Alla mia osservazione sulla scelta di far ripartire le strisce blu con incredibile fretta alla prima riapertura della circolazione ha risposto da bravo qual è che “salvo ogni uno, era atto dovuto per contratto, era cosa che si doveva fare”. Mi sono permesso, ma io non sono bravo, di segnalare che a Napoli e in altre città avevano derogato, allungando la sospensione. Ma io n on  sono bravo, lui si è mi ha spigato: che era vero che alcune avevano derogato (ma come non si poteva in assoluto, ma so io stupido, non bravo)  ma perché era società fatta in casa, lui dice in house (per capirci non erano tagliatelle Barilla, ma con la sfoglia delle uova di nonna), e una disquisizione lunghissima a prova di quanto lui è bravo e io meno. Naturalmente si è guardato bene da dire che il suo assoluto precedente era diventato, comunque, relativo presente, ma ecco che ad ogni bravo si associano bravi e brave che hanno difeso il capo… gruppo, insieme a quelli in spe (servizio permanente effettivo) che “ma il problema è un altro”, eternamente altro per continuare a parlare dell’unica cosa di cui sono esperti, di niente.

Quindi riconosco che l’amico Dario è bravo, bravi tutti i suoi amici ed amiche che il Comune di Latina non è proprietario delle sue strade, e che per sapere della politica sulla viabilità è competente l’Atral, società concessionaria della sosta.

Bellini e il sindaco non possono fare nulla, solo obbedire come Garibaldi a Teano.

Da ignorante mi sorge un dubbio: ma se Bellini, che è bravo, avesse ragione e non si può fare altro, ma a che c…. serve un capogruppo, un sindaco? Basta e avanza l’amministratore di Atral.

Comunque Bellini mi sta simpatico perché è vivo dice qualcosa, ma l’opposizione che fa? Nella maggioranza pensano tutti come l’amico Dario. Perchè se Bellini è bravo, gli altri semplicemente non sono e alla fine se fa vole bene…