Il manuale Cencelli delle inchieste a Latina: “attocca” a tutti nessuno si senta escluso. Di scena Abc

Il manuale Cencelli delle inchieste a Latina: “attocca” a tutti nessuno si senta escluso. Di scena Abc

18 Luglio 2021 0 Di Lidano Grassucci

Leggo la locandina all’edicola che “urla” di una inchiesta su Abc, la società dei rifiuti di Latina targata Lbc, e mi viene da ridere. Ci sarebbero accusati di concussione tra gli amministratori della società.

Rido perchè mi pare come i servizi di politica del Tg 1 della Rai in cui bisogna far parlare per lo stesso tempo tutti i partiti per pari condizione. Non entro in merito delle inchieste ma noto che prima hanno “colpito” un esponente di Fratelli d’Italia su questioni di caporalato, poi uno del Pd sui concorsi, Lega per il supermercato dei voti (visto i prezzi era un boutique), e ora, per non fare torto facciamo anche per Lbc su Abc. A chi tocca non si ingrugna. E una inchiesta per ciascuno leva il “medico” di torno. Non dimenticando il traffico di morti a Sezze con tanto di sindaco dimissionario manco Sezze fosse la Transilvania e i setini tutti Dracula.

Sicuramente, vige la certezza della colpevolezza, sono tutti cattivi, malvagi e bari ma se sono, se siamo, tutti così. Forse abbiamo fatto leggi che si adattano ai santi e noi siamo uomini.

Uno può sbagliare, due pure, tanti perché no ma tutti? Ho riso trovando comica la cosa del Manuale Cencelli delle inchieste e mi sono detto tra me e Lidano che  ho fatto benissimo a firmare per i referendum su una giustizia giusta, una giustizia che rispetti Caino per salvare Abele, che sia giustizia e non sputtanamento da tribunale della Santa Inquisizione.

Naturalmente la politica diventa luogo di sputtanamento ed è meglio farsi eremiti, ma anche in questo caso ci sarà qualche avviso di garanzia per uso abusivo di grotta, o per latrina non sanata fuori dell’eremo.

Poi ciascuno risponderà per ciò che ha fatto, l’ex sindaco di Roma Gianni Alemanno (non sono della sua parte politica) fu accusato addirittura di mafiosità, dopo sette anni un giudice ha sentenziato che “non era vero”. Stai preoccupato? Tanto e non mi piace, così è reato campà.