Covid 19 e i 66 mila pontini non vaccinati

Covid 19 e i 66 mila pontini non vaccinati

11 Gennaio 2022 0 Di Lidano Grassucci

65.797 sono i pontini che non si sono affatto vaccinati, contro 383.207 che hanno completato il ciclo di vaccinazione, ci sono altre 72.715 che non hanno completato il ciclo vaccinale.

Scegliere se vaccinarsi o meno, se hai meno di 50 anni, è nella libertà di ciascuno, ma… Ma ogni libera scelta presuppone una accettazione delle conseguenze e qui le conseguenze riguardano la “possibilità di vita sociale”. Perché le epidemie sono “asociali”, cancellano lo stare insieme. Questo è il prezzo, salato? E’ negare noi stessi che siamo animali sociali, bisognosi degli altri.

Oggi si sono infettati in provincia di Latina altre 1599 persone, 53 sono guarite e 9 sono state ricoverate. Non sono cose piccole, anche perché in gioco c’è una cosa che non è “recuperabile”, la vita.

Possiamo fare fini ragionamenti su come va il mondo, possiamo chiedere a gran voce il libero arbitrio, ma la morte se ne frega e i morti non hanno alcun arbitrio, ne libero ne “prigioniero”.

Chi non si vaccina mette a rischio gli altri, rischiando se stesso una scelta irragionevole, egoista, paurosa tutte caratteristiche della morte perché la vita non può che essere generosa (si vive con gli altri), ragionevole (perché la dobbiamo comprender mentre la viviamo), e coraggiosa (altrimenti ci ammazzeremo tutti).

Quasi 66 mila persone non vaccinate, una città grande come Aprilia: una cosa possibile ma una cosa che resta senza senso, credo nella ragione e non in una libertà che uccide, al cimitero non c’è libertà.