Senza l’eresia socialista la sinistra non c’è

Senza l’eresia socialista la sinistra non c’è

29 Ottobre 2022 0 Di Lidano Grassucci
Matteotti fu definito da Togliatti un “social traditore” ; Gramsci dopo il ritrovamento del
Cadavere lo chiamò “un pellegrino del nulla”
Oggi gli eredi di quella tradizione gli rendono omaggio. Ai Socialisti viene spesso riconosciuta la ragione in ritardo. Troppo in ritardo.
Bobo Craxi
Passo in via Caetani a Roma, c’è la lapide ricordo di Aldo Moro. Lì lo hanno trovato morto dentro una Renault 4, ucciso dalle Brigate rosse. Lui, il capo della Dc, scrisse durante la prigionia lettere di vita, ma… ma gli ortodossi non vollero trattare.
Comunisti e democristiani furono irremovibili.
Due sole voci si levarono diverse quella del Papa, Paolo VI, che cerco di parlare agli uomini delle brigate rosse e quella dei socialisti che parlarono per la loro umanitaria. Due voci, quella di un prete e quella di una comunità di eretici, entrambi pensando non ad uno stato leviatano, ma alle lacrime, al dolore, a salvare la vita. Pensarono all’uomo, non al corpo della chiesa ma ad Aldo, non all’integrità dello Stato ma a quell’uomo prigioniero.
I cattolici in politica non diedero retta al prete, i comunisti non diedero retta ai “socialtraditori”, è un uomo è morto. Quelle due famiglie politiche hanno sempre avuto dolore a pronunciare la parola della pietà, la parola del socialismo, hanno avuto paura della misericordia e della vita che puzza di vita e non è di eroi senza macchia, senza errore. Hanno santi, eroi, non uomini che sbagliano e che amano.
Il confronto a sinistra oggi dovrebbe partire da qui, da una via così nuova da essere la più antica. Noi, noi a sinistra dobbiamo essere sovversivi, eversivi, essere non realisti nei conti, ma audaci nei sogni. Dobbiamo non stare con chi giudica ma con chi vive, con la vita.
Pietro Nenni quando divenne ministro alla vista dell’ufficiale dei carabinieri che veniva a presentarsi, si alzo dalla sua sedia e prese il cappotto. Il carabiniere disse “ma che fa signor presidente?”, Nenni rispose “la seguo”. Era eversivo dentro.
Se a venti anni non sei rivoluzionario a 40 sei confidente di polizia  spiegava il grande leader dei socialisti italiani.
Noi davanti al dolore stiamo col dolore non con il boia che lo provoca perché la giustizia non è mai vendetta, rancore. Tra gli astemi e gli ubriaconi stiamo con i secondi per l’amore che abbiamo per il piacere ora, in questa terra, fosse anche l’illusione di una ora.
Un mio amico mi spiego una volta, un comunista riformista lepino, che tra il giusto e la legge iniqua sceglieva il giusto.
Ecco la sinistra sceglie il giusto per gli ultimi non la legge quando non è nel giusto
Quando i poteri pubblici violino le libertà fondamentali e i diritti garantiti dalla Costituzione, la resistenza all’oppressione è diritto e dovere del cittadino. 
Costituzione della Repubblica francese, 1793
Perché siamo giacobini, la sinistra è giacobina o non è. Se non sei di questa risma stai col Re, e nulla è cambiato.
La sinistra che è cortese, corretta, saggia, responsabile non ha nulla a che fare con quel che si deve fare, cambiare il mondo
Il socialismo mantiene la sua fondamentale ed essenziale natura di movimento anticapitalistico.Esso nasce come reazione umana e razionale nei confronti delle ingiustizie delle ineguaglianze che il nascente capitalismo industriale portava con sé. Le contraddizioni e le crisi della società capitalistica costituirono oggetto delle analisi, della critica penetrante, delle previsioni dei teorici socialisti. I mutamenti intervenuti dopo le due guerre mondiali, la modificazione della natura e delle manifestazioni del capitalismo non hanno mutato la ragione fondamentale della lotta socialista e cioè quella di provocare un superamento del capitalismo con il passaggio ad un ordine economico, sociale e politico più evoluto, che arricchisca le libertà dell’uomo, le sue condizioni di vita materiale e spirituale.“
Bettino Craxi
Non c’è un’altra sinistra.
Nella foto il manifesto del Psoe che vinse in Spagna 40 anni fa cambiando la libertà di Spagna